Share

Il Governatore Frattura riscontra la mia interrogazione che chiedeva spiegazioni circa il trasferimento degli Uffici regionali dell’Arsarp (Agricolo di Zona) e del Servizio Uma attraverso una nota che a mio avviso non chiarisce, in maniera inequivocabile, se questi uffici resteranno a Venafro. Al momento una cosa è chiara: non hanno ancora una sede definitiva a Venafro, motivo per il quale, negli scorsi mesi, è stato paventato il loro trasferimento a Isernia. La risposta evidenzia che si è ancora alla ricerca di una sede adeguata, e perciò, sulla questione, nutro ancora dei dubbi, ma rispettando il parere espresso direttamente dal Presidente Frattura, mi limito a riportare,Leggi

Share

Share

DUE PESI, DUE MISURE! CONTINUA A VIOLARE GLI IMPEGNI PRESI. Che fine abbia fatto l’idea, peraltro ampiamente condivisa, di riformare i Consorzi per lo sviluppo produttivo del Molise, non è dato saperlo, eppure la Legge di riordino di questi enti sub regionali, doveva essere, secondo le promesse elettorali di Frattura, uno dei maggiori interventi riformativi che si sarebbero dovuti fare. La storia dei Consorzi industriali del Molise, con le radici aggrappate esclusivamente alle evoluzioni politiche regionali più che alle capacità gestionali e programmatiche di chi è stato chiamato a guidarli, è da tempo giunta al capolinea. Tanto che, come detto, si è voluto pensare adLeggi

Share

Share

“L’organigramma dell’ARPA, l’Agenzia Regionale per l’Ambiente prevede ancora operativa la figura del Direttore Amministrativo, con aggravio di costi per la collettività, benchè la Giunta regionale dal 30 novembre del 2015, abbia commissariato l’Ente. Infatti, tale scelta ha demandato al Commissario Straordinario, il controllo della gestione affidandogli tutti i poteri  amministrativi e di organizzazione, necessari a che sia garantita la continuità delle attività statutarie. Ma, ad oggi, la Giunta regionale non ha ancora cancellato dall’organigramma dell’ARPA, la figura del Direttore Amministrativo e, pertanto, si continua ancora a pagare per un doppio ruolo che, a mio avviso, proprio non serve! Una discrasia che non giustifica la presenzaLeggi

Share

Share

“Il buon risultato, ottenuto dalla mozione Orlando, nelle Primarie del Partito Democratico, ha consentito all’Avvocato Ombretta Pollice di Venafro, di esser eletta nell’Assemblea Nazionale in rappresentanza della coalizione molisana che ha portato al Ministro della Giustizia una delle percentuali di voti più alta d’Italia. In particolare in provincia di Isernia, dove la mozione Orlando appoggiata dal Consigliere regionale Scarabeo, col 27,32% rappresenta un dato considerevole a livello nazionale, superato solo in alcune aree della Liguria, terra dove lo stesso Ministro è nato. Il Comitato Orlando per il Molise, che ha ben lavorato, su tutto il territorio regionale, per supportare la mozione del Guardasigilli, esprime pienaLeggi

Share

Share

Primarie del Pd, non è tutto oro quello che luccica, i numeri raccontano un’altra verità rispetto a quella dipinta ad arte dalla ditta delle due ‘F’ di Fanelli e Frattura. Renzi ha vinto anche in Molise, ma la sua affermazione si è attestata al penultimo posto in Italia, in termini percentuali, 63%, contro il 70% della media nazionale.Nel 2009 in Molise parteciparono alle primarie del pd esattamente 18 mila persone, nel 2013, oltre 13 mila, con 72 seggi; domenica, solo 11.800, con ben 86 seggi. Una continua retromarcia per Renzi, Frattura e Fanelli. In sostanza il Molise, così male amministrato dalla coppia Fanelli&Frattura, ha lanciatoLeggi

Share

Share

Al momento si conferma il dato ufficioso di 1.848.658 votanti, mentre è in corso l’acquisizione dei verbali e quindi la certificazione del voto. Al Ministro Andrea Orlando sono stati computati 357.526 per una percentuale del 19,5%. In Molise, ma in particolare in provincia di Isernia, la mozione Orlando appoggiata dal Consigliere regionale Scarabeo, ha attenuto il 27,32%. Un dato notevole a livello nazionale, superato solo in alcune aree della Liguria, terra natale del Ministro. A Venafro, Orlando ha ottenuto il 53,74% una delle percentuali più alte in Italia; solo La Spezia ha fatto registrare un dato di poco superiore. Il risultato delle primarie è andatoLeggi

Share