La correttezza e il rispetto sono doti che non tutti hanno!

Share

Il dibattito politico è un momento di confronto serio se si conduce nei limiti della correttezza e del rispetto della verità, quella che Antonio Sorbo, in questa campagna elettorale, non sta assolutamente dimostrando di avere. Illazioni inutili, tendenziose, insinuazioni false che vorrebbero mettere in cattiva luce il sottoscritto per colpire, indirettamente, la lista Venafro che vorrei, sua avversaria in queste elezioni. Non sono certi argomenti, peraltro lontani dalla realtà, come le sue ultime  esternazioni sull’ Ospedale di Venafro che mi riguardano o quelle su improbabili poteri forti nella formazione delle liste comunali, a fargli guadagnare qualche voto! Se fosse onesto intellettualmente direbbe altro, con modi e sostanza diversi, dato che è stato protagonista, con me, fino all’ultimo momento della trattativa per la formazione di una lista comune. Nel qual caso, cosa avrebbe detto?Mezzucci, i suoi, che respingo al mittente perché da venafrano che vive a Venafro, anch’io ho sempre cercato e lo faccio ancora, di difendere e tutelare gli interessi dell’intera città. Senza compromesso alcuno! Spero che il resto della campagna elettorale non venga sporcata da questo modo di fare, meschino ed inutile, ma che, al contrario, assuma toni proficui perché Venafro ha bisogno che ognuno di noi, impegnato ad ogni livello istituzionale, lavori per il bene comune e per il progresso di tutta la città.

Share