L’odio manifestato attraverso la diffamazione resta sempre l’arma più becera