Sanità regionale. Sugli accordi di confine ragioniamoci, ma senza perdere la faccia!